Svezzamento

 
4 aprile 2018

Buongiorno, mi chiamo Silvia e sono la mamma di una bimba di quattro mesi, sottoposta a intervento di Kasai a un mese e mezzo.

Mia figlia sta andando bene, la bilirubina si è normalizzata e gli enzimi epatici stanno migliorando. Non avendo latte a sufficienza sto facendo un allattamento misto alternando il mio latte all’Heparon.

La pediatra, date le buone condizioni della bimba, non solo mi parla di svezzare la piccola, ma anche di introdurre il latte vaccino.

Data la Vostra grande esperienza e grazie a questa bellissima opportunità che offrite, ci terrei ad avere indicazioni corrette su come è meglio procedere, in questi casi, con lo svezzamento.

Grazie infinite.
Silvia F.

 


 

Gentilissima signora F.

da quello che ci scrive sulle condizioni della sua bimba, non ci sono controindicazioni all’introduzione dello svezzamento, secondo le indicazioni del suo pediatra.
Per quanto invece riguarda il latte, se da un lato è vero che una volta normalizzata la bilirubina l’assorbimento dei lipidi è garantito, e quindi si potrebbe introdurre anche un latte formulato “standard”, spesso questi bambini con atresia delle vie biliari possono presentare nei primi mesi di vita, fino alla correzione chirurgica, un deficit di accrescimento. Per questo motivo l’utilizzo di un latte come l’Heparon che, oltre ad avere caratteristiche specifiche per l’epatopatia (aminoacidi ramificati, grassi MCT), ha un maggiore contenuto calorico, è preferibile per un certo periodo di tempo, prima di essere sostituito con un latte formulato adeguato all’età della bimba (non latte vaccino, fino all’anno di età). Per quanto tempo continuare l’Heparon, questo dipende oltre che dagli esami anche dalle condizioni cliniche della bimba, e per questo non ci è possibile darle ulteriori indicazioni al momento.
Restiamo a sua completa disposizione per eventuali ulteriori dubbi o quesiti.
Cordialmente

 

Giovanni Boroni
Dirigente Medico
Clinica Chirurgica Pediatrica
Ospedale dei Bambini di Brescia